Risposte a Vittorio parte 3

Caro Vittorio ti ringrazio molto per la tua relazione.

E' sempre molto importante sapere ascoltare tutto e tutti per poter crescere sempre di più.

Il mio percorso è molto complicato, forse perchè io sono complicato, .... credo che in questo

momento della mia vita io debba raccontare queste storie perchè solo attraverso la riflessione e

il dolore riesco ad esprimere quello che per me oggi significa la parola "fare teatro" e poi ti assicuro

che dietro tanta tristezza si nascondeva tanta positività. Ho imparato in questi anni a cercare sempre

nelle cose negative il suo lato positivo ed è un lavoro molto stimolante.

Ti prometto però che cercherò, la prossima volta, di essere magari un po' più semplice e

magari di farti ridere un po'... Spero che le mie parole ti possano aiutare a capire di più il nostro

lavoro così da poterti aiutare di più nello scrivere il tuo articolo.

Ora ti saluto con un abbraccio pieno d'amore, lo stesso amore che io e i miei compagni

mettiamo sempre quando il sipario magicamente comincia ad aprirsi e mettiamo a nudo tutta il nostro essere.

Spero un giorno di conoscerti.

Con affetto,

Ricky OItana Apothema teatro danza (La Flor)

                                     ___________________________________________________

Mi ha sinceramente commosso leggere queste righe...semplici, essenziali, ma colme di emozioni.

Mi ha trasportato per un momento a quando ero bambina e tutto pareva così lineare e emozionante

e niente e nessuno poteva farmi soffrire, era tutto un bellissimo gioco ed ogni cosa aveva un profumo ed un colore.

Grazie Vittorio per averci aperto il tuo cuore!

Simona Sacco

                                     ___________________________________________________

Basta poco per aprire il proprio cuore...tu mi hai ricordato quanto è semplice farlo...se tutte le persone fossero in grado di

far sognare come fai tu...tutto sarebbe diverso, mi hai emozionato come il testo di una canzone...

la musica l'ho scritta colorandola con le emozioni delle tue parole!

Grazie Vittorio!

Mario Barale